Testata Il Resto del Carlino (ed. Rimini)
Titolo Gnassi torna dalla Cina con un carico di turisti
LA Cina è vicina e Rimini è pronta ad accogliere il prossimo anno tra i 10 e i 12mila turisti cinesi. A portarli sul territorio saranno 60 nuovi voli charter che atterreranno all' aeroporto di Bologna, grazie a un accordo passato per l' accreditamento di Welcome Chinese, la struttura dipendente dell' autorità cinese del turismo. Migliaia di ospiti a pochi chilometri da Rimini e che il territorio si pone l' obiettivo di intercettarli. Questo è uno dei punti chiave anticipati nella missione della Regione in Cina, durante la Settimana della cucina italiana nel mondo, che ha visto workshop e incontri a Shangai e Pechino con tour operator e media per far conoscere 'Il meglio dell' Emilia Romagna'. Negli incontri è stata presentata Destinazione Romagna con i suoi servizi (tra cui 3.280 strutture, oltre 2mila ristoranti, 110 chilometri di spiaggia, 181 musei), tutte le altre eccellenze della Regione e, appunto, la strategica alleanza con i tour operator che porterà i voli charter nel 2018. E, se la Regione è stata presentata come quella più rappresentativa del made in Italy, Destinazione Romagna e Rimini sono stati illustrati dal presidente Andrea Gnassi come base ideale per il turismo cinese in Italia. «SUL NOSTRO territorio possono trovare la piattaforma logistica e servizi eccellenti - afferma Gnassi - Diventa strategica l' accessibilità e su questo possiamo presentarci con i nuovi collegamenti per il 2018 dell' alta velocità ferroviaria che collegheranno Rimini e Bologna in 48 minuti e Rimini e Milano in 108 minuti, insieme ad altre novità, come l' accordo dell' aeroporto Fellini con la compagnia Ryanair e, per quanto riguarda i collegamenti più interni, l' avvio della metropolitana di costa». Rispetto ai 60 voli, Gnassi ha affermato: «proporremo la nostra piattaforma come 'pezzo' di questa offerta». L' ambasciatore italiano Ettore Francesco Sequi ha annunciato che dal 2019-2020 il tour operator Phoenix cercherà di sviluppare collegamenti con altre 10 località italiane. Su questo punto Gnassi ha sottolineato che come Destinazione Romagna e come Rimini sarà coltivata «l' opportunità di sviluppare nuovi voli ed essere tra le dieci località. Dobbiamo farlo attraverso uno schema preciso, l' accreditamento della destinazione da parte di Welcome Chinese aeroporto-vettore. È su questo stanno già lavorando alcuni tour operator romagnoli».