Testata Italia Oggi
Titolo Periti guide del rinnovamento tecnologico
Dall' innovazione tecnica e tecnologica nuove opportunità di lavoro per i periti industriali. È proprio questo professionista, infatti, uno dei soggetti più qualificati ad accompagnare le imprese verso un rinnovamento epocale. Rinnovamento che interessa i processi produttivi, il rapporto con i clienti, la logistica e l' ambiente, la gestione delle informazioni, in una logica di crescente integrazione ed interconnessione dei processi aziendali. Se nuovi e promettenti mercati sembrano aprirsi oggi per tutti quei professionisti che lavorano a stretto contatto con la tecnologia e l' innovazione, la capacità di intercettarli dipenderà però dallo sforzo di rinnovamento che questi sapranno fare: in termini di modalità organizzative e di servizi. Proprio in questo senso si collocano due novità importanti che possono rappresentare una nuova opportunità per il professionista tecnico-ingegneristico. È difficile delimitare il perimetro delle trasformazioni in atto che coinvolgono tutte le diverse dimensioni dell' organizzazione, produttiva e sociale. Ma è evidente che il termine usato dall' attuale governo per descriverle - «Industria 4.0» - ben sintetizza la portata di un cambiamento caratterizzato dall' utilizzo delle tecnologie digitali e dalla loro crescente interconnessione. Da questo punto di vista, la consulenza finalizzata alla perizia tecnica che periti industriali e ingegneri possono effettuare ai fini dell' accesso all' iper-ammortamento da parte delle imprese che acquistano nuovi macchinari, non rappresenta che un piccolo tassello delle opportunità che si verranno a creare in termini di consulenza specialistica alle imprese, chiamate a ridisegnare i propri processi produttivi in una logica di efficienza, interconnessione e sicurezza. Proprio per essere pronti a gestire l' innovazione tecnologica il Cnpi ha creato la Commissione «Lavoro» che come prima attività si è indirizzata su «Industria 4.0» con un team guidato dal consigliere Cnpi Giovanni Esposito, supportato dai consiglieri nazionali e aperto al contributo degli organismi provinciali. Diverse le azioni strategiche strutturate dalla commissione: un' attività informativa per fornire agli iscritti le informazioni e la strumentazione necessaria ad erogare i servizi professionali previsti dalla normativa, una fase di analisi e ricerca propedeutica all' impostazione e finalizzazione degli strumenti e alla loro elaborazione, e infine un' attività di formazione attraverso la progettazione di moduli brevi e percorsi più articolati anche in collaborazione con le università.