Testata SetteSere Qui
Titolo Romagna Acque, crisi idrica superata grazie al potabilizzatore «Standiana»
IMPRESE | Approvato il bilancio 2017, con un utile netto di 4 milioni 176mila euro Romagna Acque, il 2017 è stato un anno difficile per l' approvvigionamento idrico per molte parti del nostro Paese per la scarsità degli apporti piovosi e per l' aumento dei consumi che hanno portato la complessiva fornitura a 115,43 milioni di metri cubi d' acqua. Il valore della produzione è stato pari a 57.298.175 euro, con un incremento rispetto al 2016 di 2.418.151, un utile prima delle imposte di 6.964.537 euro e un utile netto di 4.176.158. La parte destinata a dividendo è di 3.925.341 euro, corrispondente ad un dividendo di 6 euro per azione. Le difficoltà di approvvigionamento del 2017 sono state superate grazie alla strategia messa in atto da diversi anni, legata agli interventi strutturali e all' integrazione fra le fonti idropotabili; un ruolo particolarmente importante è stato giocato dal potabilizzatore della Standiana sin dal suo avviamento nel corso del 2015 che ha consentito di fornire garanzie importanti, soprattutto per il turismo costiero, e qualità delle acque prodotte. Il segno della siccità è stato il ridotto contributo di fornitura del lago di Ridracoli che ha fornito «solo» 46,6 milioni di mc, che rappresenta il 40% del totale del fabbisogno (rispetto a circa il 50% nell' annata idrologica media). La risorsa di superficie proveniente dal Po ha garantito il 26% della fornitura con 12,7 mln di mc trattata dal nuovo potabilizzatore Standiana, 16 mln di mc trattata dal potabilizzatore delle Bassette a Ravenna e 1,1 milioni di mc trattata dal potabilizzatore di Forlimpopoli (utilizzabile solo in presenza di decretata emergenza idrica). Il restante fabbisogno è stato garantito principalmente da risorse di falda sia nel forlivese -cesenate che nel riminese. Per le utenze collinari servite esclusivamente da fonti sorgive, durante il periodo siccitoso, a causa dell' esaurirsi di molte di queste, è stato necessario attivare un massiccio servizio di rifornimento idropotabile con autobotti. Il ricorso al servizio con autobotti è la sovrabbondante e diversificata disponibilità di risorse hanno consentito agli utenti della Romagna di non subire, in alcun modo, i pesanti effetti della siccità; effetti che hanno segnato altre zone del nostro paese. IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI Nel corso del 2017 è stato completato lo studio di fattibilità di prima fase della condotta «terza direttrice dell' Acquedotto della Romagna» che potrà permettere l' affidamento dei servizi di ingegneria per la progettazione dell' opera avviando così il percorso realizzativo del più importante intervento previsto dal piano degli interventi (un' opera che si articola in n.3 lotti per un importo complessivo di circa 80 milioni di euro). Si evidenzia il fatto che gli interventi realizzati nel precedente periodo di regolazione, in particolare il potabilizzatore della Standiana e la rete di interconnessione dello stesso con l' Acquedotto della Roma GLI INVESTIMENTI SULL' ENERGIA gna, hanno permesso di garantire la fornitura idrica in tutta la Romagna senza alcuna limitazione di uso per gli utenti anche in presenza di una crisi idrica quale quella del 2017, una fra le più gravi degli ultimi anni Oltre agli interventi infrastrutturali, continuano gli importantissimi investimenti in campo energetico, allo scopo di ridurre i costi e migliorare la qualità di energia elettrica utilizzata. Nel corso del 2017 è stata messa in servizio la centralina idroelettrica presso il serbatoio di Faenza, l' ultima prevista nel Piano Energetico approvato nel 2013, ed è proseguita la messa a punto e l' avviamento delle restanti centraline idroelettriche sulla rete. Inoltre, nel corso del 2017 sono stati approvati i progetti definitivi per la realizzazione del magazzino di Forlimpopoli ed il revamping dell' impianto di potabilizzazione di Bellaria che prevedono la realizzazione di due impianti fotovoltaici sulle coperture degli edifici per una potenza rispettivamente di 220 Kw e di 100 kw. RICERCA E SVILUPPO Il 2017 ha visto proseguire la costante e crescente collaborazione con il mondo universitario, visto che la Società ha scelto di investire sulla ricerca, per essere sempre protagonista delle progressive evoluzioni delle competenze che via via si svilupperanno. Si sono irrobustiti i rapporti con diverse sedi Universitarie (fra cui quella di Scienze am bientali di Ravenna e il Dipartimento di Scienze della terra dell' Università di Roma «Sapienza», il già citato rapporto con il Dicam di Bologna, la collaborazione con l' Università di Perugia sul tema dell' utilizzo dei droni nel controllo delle dighe), con altri consolidati Enti di ricerca (ad esempio il Centro ricerche Marine di Cesenatico, per quanto riguarda la ricerca sull' eutrofizzazione) e con importanti soggetti istituzionali del territorio (come l' Istituto oncologico romagnolo, per quanto riguarda il rapporto fra la qualità dell' acqua e la salute umana). LA QUALITA' DELL' ACQUA La qualità dell' acqua erogata è un presupposto fondamentale dell' attività di Romagna Acque. I laboratori interni operano a ciclo continuo, effettuando circa 180 mila controlli annui (a cui si aggiungono quelli volti da Hera e dal l' Ausl), ma l' attività dell' azienda punta a lavorare sempre meglio, per ottenere risultati sempre più importanti sulla qualità, senza fermarci alle sole indicazioni di legge. In quest' ambito, è particolarmente significativo l' accreditamento secondo la norma Uni En Iso 17025 ottenuto nel corso del 2017 dai laboratori di Romagna Acque da parte di Accredia, l' Ente unico di accreditamento designato dal governo italiano ad attestare la competenza, l' indipendenza e l' imparzialità degli organismi e dei laboratori che verificano la conformità dei beni e dei servizi alle norme. Accredia è un' associazione riconosciuta che opera senza scopo di lucro sotto la vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico, l' autorità referente per l' accreditamento a livello nazionale.