Testata Quotidiano di Puglia
Titolo Ospedale del Sud Salento avanti La Regione trova i 142 milioni
Priorità da Bari alla struttura che sorgerà tra Maglie e Melpignano 120mila 350 Il nuovo ospedale del Sud Salento avrà la priorità nell' utilizzo dei fondi regionali per la Sanità. Lo ha deciso la giunta regionale che ha proposto un utilizzato dei 290 milioni assegnati derivanti dall' ex articolo 20, in un nuovo piano presentato al Ministero della Salute. Le somme dovranno essere ripartite tra quattro progetti, in ordine di priorità: al primo posto c' è il nuovo nosocomio che nascerà tra Maglie e Melpignano che avrà bisogno di 142 milioni di euro per nascere. Al secondo posto, l' ospedale di Andria e, a seguire, due progetti per gli ospedali Riuniti di Foggia: i fondi andranno quindi a scalare in base alle esigenze previste, dando la precedenza alla struttura salentina. Al momento, il progetto è arrivato a Roma ed in attesa di approvazione da parte del Ministero. Il passo successivo sarà quello di indire la gara che porterà alla costruzione. Soddisfatti naturalmente i sindaci di riferimento del territorio. «Si tratta di un passo avanti importante - spiega Ivan Stomeo, primo cittadino di Melpignano - e che ci avvicina ad una meta che stiamo inseguendo da tempo. Appena ci sarà l' approvazione del progetto potremo dire che la strada da percorrere sarà in discesa». Sulla stessa linea il sindaco di Maglie, Ernesto Toma: «Stiamo seguendo con attenzione l' iter della vicenda: attendiamo che gli enti preposti facciano la loro parte. Noi abbiamo dato la massima disponibilità da subito, appena si è presentata l' occasione». Nel luglio dello scorso anno, la Asl di Lecce aveva presentato lo studio di pre-fattibilità alla Regione Puglia, dando così formalmente inizio all' iter amministrativo e progettuale che condurrà alla realizzazione del nuovo ospedale di primo livello dell' Area Adriatica. L' opera sarà realizzata in un sito di 120mila metri quadri a cavallo tra i Comuni di Melpignano e Maglie, con una dotazione di 350 posti letto. L' ospedale andrebbe ad inserirsi in un territorio comprendente 43 comuni e un bacino d' utenza di 209mila abitanti, strettamente connesso con le altre strutture ospedaliere presenti a breve distanza (i Presidi di Scorrano e Galatina) e con i quattro distretti socio sanitari di riferimento, Poggiardo, Maglie, Martano e Galatina. «La scelta del sito in cui allocare il nuovo Ospedale del Sud Salento - spiega la Asl - deriva da una serie di valutazioni espresse anche in funzione di precedenti studi e, in ultimo, dall' individuazione avvenuta durante la riunione della conferenza dei servizi tenutasi il 28 marzo 2018 presso il Dipartimento regionale Promozione della Salute. L' adeguamento degli Ospedali di Scorrano (207 posti letto) e di Galatina (143) alle norme di prevenzione antincendio costerebbe 12,6 milioni, altri 50 milioni circa servirebbero per l' adeguamento strutturale alle norme antisismiche, oltre ai 10 milioni stimati per i costi indiretti necessari allo svuotamento e trasferimento prima e dopo gli interventi di adeguamento, dovendosi comunque garantire l' efficienza del servizio. La costruzione di nuove strutture ospedaliere, al contrario, è più economica e vantaggiosa in termini sia di economicità di gestione che di funzionalità, oltre a tenere conto dell' evoluzione della domanda proveniente dal territorio e dei vincoli definiti nel vigente Piano Regionale di rientro». Il nuovo Ospedale del Sud Salento sarà progettato con criteri innovativi dal punto di vista strutturale ed impiantistico, con principi di flessibilità e modularità, nel rispetto della normativa in materia di prevenzione (anti-incendio, anti-sismica, ecc.) e tali da configurarsi quali edifici intelligenti anche riguardo all' innovazione tecnologica informatica e telematica.