Testata Italia Oggi
Titolo revisori news
Con una nota del 20 marzo scorso, rivolta ai revisori legali, il ministero dello sviluppo economico, ha puntualizzato alcune osservazioni già espresse in merito al controllo contabile delle cooperative, evidenziando che le suddette società non possono adottare il bilancio semplificato perchè l' omissione della nota integrativa potrebbe non consentire la verifica delle indicazioni richieste dal legislatore, con la conseguenza che, anche se dette indicazioni sono inserite in calce allo stato patrimoniale, la coooperativa potrebbe essere invitata al rispetto più rigido delle previsioni del codice civile, senza però subìre sanzioni. In merito poi alle spese di ricerca, se non eseguita una riallocazione tra le immobilizzazioni immateriali (tra i costi di impianto) si rende necessaria l' imputazione al patrimonio netto, con utilizzo, solo in ultima istanza, delle riserve indivisibili, senza particolari conseguenze agli effetti della riduzione del patrimonio.Doverosa precisazione, infine, si attende per i nuovi criteri di valutazione di determinate poste (vedi ad es. il costo ammortizzato su tutti) sicuramente obbligatorio per le cooperative che sono obbligate alla redazione dei bilanci ordinari, che non dovrebbe trovare applicazione almeno ai prestiti sociali, stante la natura degli stessi, e quella inerente alla comparazione con i bilanci 2015, da eseguire escluisvamente qualora sia possibile una puntuale determinazione. In una recente comunicazione rivolta alla presidenza dell' istituto, il delegato Inrl di Reggio Emilia, Prospeto Cocconi, ha confermato la sua piena disponibilità a farsi parte attiva per porre in essere significative iniziative nella regione Emilia Romagna e in particolare a Reggio Emilia. «Per iniziare ad operare ion modo fattivo», scrive Cocconi nella comunicazione, «propongo di organizzare un incontro tra i delegati provinciali dell' Emilia-Romagna per stabilire di comune accordo un programma di lavoro che dovrebbe portare a indire in ogni provincia, un seminario di studi al fine di divulgare la professione del revisore legale, al quale dovranno essere invitati, oltre alle istituzioni, i presidi, gli insegnanti e gli studenti dell' ultimo degli istituti tecnico-commerciali». Il presidente dell' Inrl Baresi ha raccolto con viva soddisfazione il contributo di idee del delegato di Reggio Emilia, auspicando a breve un incontro sul territorio emiliano.